“Senza biglietto”, lirica di Michele Prenna, poeta in Varese

Tram, olio su tela di Amato Patriarca

Sono saliti i verificatori a controllare
i biglietti dei passeggeri 
su un bus della rete cittadina.

L’hai capito dal ragazzotto
di corsa alla macchinetta bloccata
col battibecco prima del verbale.

Hai sentito il mormorio risentito
quando non un gridare
che era ora di finirla coi portoghesi.

Questo naturalmente dopo la multa
disceso chi senza biglietto
la dimenticanza l’ha dovuta pagare.

Manca poco alla tua fermata
distrattamente guardi al finestrino
e scopri così l’alato clandestino.

Se n’è stata beata vicina al vetro
la coccinella di città pigra 
incurante d’un possibile controllo.

E m’è parso proprio mi guardasse
con una strizzata d’occhi d’intesa
scendendo a volo con me a sorpresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.