In libreria Gregory Hunter, il fumetto edizione cartonato di Antonio Serra, con i colori di Edoardo Arzani

Host di destinazione non consentito, sblocca la connessione nel pannello di AlterVista (Risorse > Impostazioni PHP)

Lo scorso 6 luglio è arrivato in libreria, fumetteria e nello Shop online della Bonelli editore (l’università del fumetto all’italiana), Gregory Hunter. I padroni della galassia, il volume che ristampa la prima avventura del Ranger dello Spazio creato da Antonio Serra.

In un universo dove l’uomo ha raggiunto i confini più estremi della galassia, il compito di mantenere la pace e la giustizia spetta ai Ranger dello Spazio. Il terrestre Gregory Hunter è uno di loro. Ex pirata e cacciatore di taglie, viaggia nello spazio profondo, dove ogni cosa può accadere, in compagnia del simpatico dongiovanni tallariano Badger.

Incaricati di catturare un pericoloso ladro interplanetario, i due si ritroveranno in un luogo sperduto lontanissimo dalla Terra, dove scopriranno la segreta ragione della scomparsa di un antico impero galattico!

Quello che tuttavia questo post di Arzyncampo vuole celebrare, a parte il fumetto, a parte il fatto del cartonato, a parte il prezzo ‘interessante’ (€ 28,00), a parte le 292 pagine, a parte il fatto della Bonelli editore ovvero quelli dell’intramontabile Tex, di Dylan Dog, di Martyn Myster, di Morgan Lost, a parte appunto l’essere la Magna Università del fumetto, a parte il grande Antonio Serra autore di Nathan Never, a parte i magnifici colori il punto sta proprio nel fatto che quello che possiamo ammirare sono i colori, realizzati oltreché da Virginia Chiabotti e Mariano De Biase, da Edoardo.

Mesi e mesi di lavoro, anni di sogni e di impegno, di speranze, di illusioni e di delusioni per entrare nel mondo magico delle nuvole bianche e finalmente … uno spiraglio s’è aperto. L’emozione ora di guardare alle spalle, ricordare il tanto sudore. Suo, di Edoardo. Ma anche mio e di Dalila, di Fabrizio (suo fratello), di Daniela, sua compagna, di Mariano, amico sin dai tempi della scuola di fumetto a Reggio Emilia, di Serra che due anni fa diciamo “l’ha preso a bottega“, di tutti quanti lo hanno sostenuto in questo difficile cammino fatto di tanta fatica, di ore ed ore a disegnare, ed ora finalmente l’emozione di vedere l’opera col suo lavoro a Milano, esposta in libreria, alla Mondadori. Impagabile, con le gambe che tremano, le farfalle che volano nello stomaco e fanno festa con i mille splendidi colori delle loro ali

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*