Domani a Borgo FaxHall (1° piano) una storia di emigrazione italiana, racconto di Claudio Arzani

Host di destinazione non consentito, sblocca la connessione nel pannello di AlterVista (Risorse > Impostazioni PHP)

Continuano gli incontri dei “Mercoledi ci PIACE a Borgo Faxhall“, rassegna di proposte letterarie piacentine caratterizzate da integrazione, solidarietà, dialogo tra culture diverse. Domani sarà la volta di un’antologia, “Un arco nel portaombrelli” contenente un racconto di Claudio Arzani che ci riporta ai tempi di quando gli emigrati eravamo noi: “Ohi, Giuseppina, a forza di pan raffermo e di bucce di patate qui non sappiamo come tirar mattina”. Chissà, forse son state le parole di nonno Agostino, all’indomani delle nozze con Giuseppina Merlo, in quel 1922, anni 26 lui, 25 lei. Miseria e non solo. Da mettere in conto anche il clima di violenza politica che attraversava il BelPaese e per Agostino, con le sue ben note simpatie per i socialisti, non era buon tempo. Così ecco la decisione, la partenza verso un mondo lontano. Una storia lontana, la storia dei nonni di Marie Florence.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.